Fa’ la cosa giusta! Fiera Milano City

Ci sono stuoli di bloggers che si sentono a casa nel parterre di Prada, a mollo nell’esplosione dei flash e paillettes, sulle vette di tacchi vertiginosi. Io torno nel mio ambiente quando passeggio per “Fa’ la cosa giusta”, riabbraccio designers con cui ho rapporti stretti, professionali e d’affetto, scambio due parole con quelli cui non riesco mai a tirar fuori piu’ di due stitiche parole e mezzo sorriso (il mondo e’ bello perche’ vario, anche nella fiera dell’Etica e del Bio), vado a scavare fra vestiti ed accessori (caso mai qualcuno mi fosse sfuggito) ed immancabilmente scopro qualche nuovo talento di cui parlarvi, mi beo del fortissimo brusio e dello sciamare di persone, famiglie, coppie ed amici (io che odio le folle). Il frastuono e’ il suono del mondo che vuole cambiare, e che sa cambiare, partendo da piccoli passi.


E stando nel nostro, girando per l’area “Critic Fashion”, il popolo giovane e consapevole ha anche potuto incontrare la Bellezza. Lo dico, e lo ripeto. Se l’etica sa ammantarsi di colori…e’ anche meglio! Esposti ed in vendita i capi di Ecologina (leggi qui), Lavgon (qui), Na’at (qui: presto vi illustrero’ la bellissima collezione estiva), Silente (qui), Caira Design (ecco il link), Riciclabo’ (qui), gli accessori di Luciana Lavelli (qui), le borse  e le collane La Tilde (ne abbiamo parlato qui), gli ecomostri e i ciondoli Insolenti (bellissimi, me ne sono aggiudicato uno) di Elena Salmistraro (su style.it, ecco il mio articolo), ed ancora molto altro. Ma ve ne parlero’, delle nuove, belle realta’ che ho incontrato.
Stando sull’evidente filone che nella moda etica, a differenza che nell’Alta Moda, la presenza femminile e’ prepotentemente imperante, rimanendo sui passi di Shoptherapy, che vuole fra i suoi obiettivi principali quello di creare belle sinergie e dare risalto al lavoro creativo di queste donne speciali, ho partecipato con grande piacere, e malcelato orgoglio, alla tavola rotonda “Natura Donna Impresa verso Expo’ 2015“, organizzato dall’agenzia di comunicazione Misuraca&Sammarro, delle frizzantissime Caterina e Paola.

Cinque donne, ognuna impegnata in diverso modo per cercare di costruire un mondo migliore: partendo dalla Olomanager, la bravissima Fabrizia Paloscia, autrice del libro “Fabrica Ethica, un’utopia applicata”, impegnata nella consulenza ad imprese ed enti di pubblica amministrazione, affinche’ adottino una politca etica e sostenibile, non solo per una giustizia ed un maggiore equilibrio delle risorse, ma anche come possibilita’ concreta di sviluppo, passando dall’impegno di Angela Mensi, di 13 Ricrea, nel riutilizzo delle materie di scarto, tendendo poi la mano a questo nostro blog, con i miei racconti di Moda Alternativa, etica, sostenibile, e bella, arrivando alle parole della manager Luigina Ferraro (Incipit_web), esperta di marketing (soprattutto web) per grandi imprese, per le quali riesce a far baciare etica e profitto, e concludendo con le immagini della designer Carola Pasquino di ProgettoC73, autrice di bellissimi accessori (tutti rigorosamente assemblati con materiali di scarto), di cui sara’ mia premura parlarvi quanto prima. Tante donne, tante idee, un futuro diverso e possibile. Noi le mani le stiamo tendendo, ed ora del 2015 mi auguro che diventeremo una folla rumorosa.



Ho avuto anche il piacere di riabbracciare Elena Ravasio, la bravissima imprenditrice, anima del mio negozio-culto Materiaprima di Bergamo (qui).

Il cambiamento e’ Donna. E’ dentro di noi, piu’ forte di noi. Va bene, andiamo a salvare il mondo.

I did the right thing.

E per chi si fosse perso la fiera: non fatevi scappare la prossima edizione.

2 commenti su Fa’ la cosa giusta! Fiera Milano City

  1. Io c’ero! Ed è sempre meravigliosa :) mi spiace di essermi persa la tavola rotonda!

    • Vero? E’ l’aria di nuovo, di speranza e di fiducia che gira…corroborante!

Lascia un commento

Autore:

E-mail:

Sito web: