Spazio Epicuro.

Riunire in un breve articolo un’idea tanto ricca e tanto finemente cesellata non sarà affatto semplice, ma senz’altro piacevole.
Ho incontrato, qualche tempo fa, Andrea Sabbadini e Maria Cristina Lo Cascio, rispettivamente co-fondatore e direttrice artistica di questo bellissimo spazio in zona di Porta Romana, che vuole rifarsi ai fasti ed allo spirito che fu del giardino epicureo: luogo associativo e palcoscenico di designer, artisti, stilisti, fotografi, illustratori, pittori; luogo di incontro, di scambio di idee ed impressioni e di vitali contaminazioni e collaborazioni fra artisti; splendida location per mostre ed eventi (lo spazio si srotola su 300 mq, divisi tra tre livelli). Luogo di shopping (dove tutto quello che il tuo occhio capta, e la tua mano tocca, è in vendita: abiti, accessori, quadri, illustrazioni, libri per bambini, stampe, luci, oggetti di design e tanta, tanta fantasia), scuola ed approfondimento (con i tanti workshop e corsi organizzati), ambiente dove perdere tempo, sedersi, farsi pervadere dalla bellezza, e dove riposarsi, nell’angolo food and wine.
C’è anche quello.

In assoluta sintesi, e rischiando di impoverire la tavolozza dei colori, Spazio Epicuro è come uno specchio magico, in grado di rimandare immagini e riflessi diversi, a seconda dell’occhio che vi guarda dentro. A seconda di quello che si va cercando. E con suadenza, risponderà alle esigenze di tutti. Quale che sia la vostra domanda, vale davvero passarci del tempo, lentamente, imparando a masticare l’idea che non vi sia un compito prestabilito, un modello scolpito nella roccia, che non si debba per forza comprare, osservare, dialogare. Semmai, trovare la propria giusta dimensione, dentro allo spazio.

Maria Cristina mi parla di ogni oggetto esposto come di un’opera d’arte, ed a ragion veduta. Mi canta la sua sconfinata passione per l’idea di mostrare al pubblico una diversa galleria d’arte, fatta di oggetti comprensibili a tutti, utilizzabili da tutti, ed alla portata dei portafogli di tutti.
Halleluja!
Mi racconta dei progetti nuovi, nati dall’incontro degli artisti, stimolatisi a vicenda a produrre qualcosa di diverso…ad uscire dal terreno battuto. Mi beo di questi incontri, e dei risultati che si stanno mostrando, auspicando sempre maggiori collaborazioni per il futuro.

Dal momento che vi so curiosi ed instancabili indagatori di chicche: camminando mollemente sulla morbida moquette, potrete amare le meravigliose illustrazioni, i dipinti e le opere di design di Maria Cristina, immaginarle nelle vostre case, e non abbandonarle più. Poliedrica, bravissima. Dalla sua mano: quadri, illustrazioni originali, pannelli decorativi, libri illustrati, cartoline, bijoux, oggettistica per la casa, oggettistica da regalo, arredi e complementi d’arredo. Per me: un colpo di fulmine.
Ancora: i quadri ed i libri illustrati di Luigia Cuttin, degna compagna di pennello di Maria Cristina.
Le suggestive fotografie di  Francesca Porta.
Gli arredi ed i complementi d’arredo del designer Andrea Pellicani.
Gli accessori di Mnmur, realizzati con il recupero delle camere d’arie. Viva il recupero!
Le fantastiche (ed italianissime, nonostante il nome) t-shirts “British is Better“,  raffiguranti diverse capitali europee: ogni t-shirt è confezionata in una “busta affrancata” e ha il passaporto. Le t-shirt sono stampate con un inchiostro brevettato che le rende antizanzare e antimosche! Delizia vera. Ed ottima idea regalo per Natale.
L’ abbigliamento donna “fatto a mano” da Mani 100% HandMade, che ho incontrato anche in occasione del “so critical so fashion”, e di cui intendo parlarvi presto.
Gli orologi da tavolo e a parete di Incantesimo Design. Fiabeschi.
L’abbigliamento ed i tessuti pregiati di Donas, vera manna per il tatto e per la vista.
Le lampade ed i lampadari in vetrofusione di Artevetro.
I bijoux artistici di Mantasà, le t-shirt illustrate per bimbi ed adulti di D&S Design.
E molto altro ancora: bene soddisfare la vostra curiosità, ma l’elenco è sconfinato, e vi devo lasciare un poco di pepe sotto le narici.
Inoltre, Spazio Epicuro resta in divenire, è vivo, si muove. Sarebbe riduttivo cercare di bloccarlo in un’istantanea.
Avrei molto altro da dirvi, ma preferisco in assoluto che vi buttiate dentro al fiume in piena di Spazio Epicuro, e che troviate la vostra bracciata, per nuotarci in piena soddisfazione.

Benvenuti in un abbraccio nuovo, diverso, da sostenere e far crescere.
Consiglio caldamente quattro chiacchere con Andrea e con Maria Cristina: ricordandovi che, purtroppo, non ve li potrete portare a casa. Semmai, potrete tornare a trovarli.

A voi: in via Pietro Colletta 10, a Milano.

Spazio Epicuro on facebook

Ancora silenzio...sas

Lascia un commento

Autore:

E-mail:

Sito web: